Il dj che ha hackerato il rock e anche un po’ la mia mente: un ricordo affettuoso di Andrew Weatherall

È morto ieri, a sorpresa, a soli 56 anni, Andrew Weatherall. Volendo, metto la puntina sul disco del necrologio e aggiungo: dj, produttore, musicista, critico musicale, agitatore culturale. Può darsi, se non siete un minimo appassionati di musica, che il suo nome non vi suoni familiare. È normale: quello che sarà ricordato negli anni come una … Leggi tutto

Una storia italiana – riflessioni sulla truffa del Reddito di Cittadinanza e sui truffati

Il Reddito di Cittadinanza del Governo del Cambiamento si è rivelato una fregatura clamorosa. Purtroppo è balzato all’onore delle cronache non per la distanza tra la promessa elettorale e realtà, ma per la mezza rissa verbale che si è sviluppata sul profilo Facebook dell’INPS dedicato alla sua erogazione tra i richiedenti e il social media … Leggi tutto

La rabbia degli insoddisfatti pigri: riflessioni dopo un attacco fascista online

Circa un mese fa sono stato attaccato online (tanti contro uno, come prevede il loro modus operandi) da migliaia di utenti leghisti, grillini ed espressamente fascisti. Si è trattato del classico shitstorm che, sempre più spesso, impesta i social media in Italia (e che da queste parti non è una novità, visto che amiamo farci … Leggi tutto

La sinistra inutile. Riflessioni su un paese che ha finalmente le idee chiare

Questo è il consueto post elettorale sulla sconfitta della sinistra. Sono un po’ stufo di scriverlo, ma la sinistra continua a perdere.
Se c’è una buona notizia in questa giornata terribile è che forse è l’ultimo che scriverò, non perché da qui in poi vinceremo tutte le elezioni, ma perché forse smetteremo di esistere per un po’.
Come sempre si tratta di un post chilometrico nemmeno troppo amareggiato ma estremamente lucido nel dichiarare qualcosa che è peggio di una sconfitta.
L’ho scritto un po’ di getto e con uno stato d’animo un po’ ballerino. Abbiate pazienza. Anche perché ne serve molta. Cliccate e prosegue.

 

Leggi tutto

Leader, non cheerleader – cosa non va nella comunicazione del PD

Se avete fatto un giro sui social tra ieri e oggi è probabile che siate incappati in qualcuno che si lamentava della comunicazione online del PD. Nel giro di poche ore è montata una piccola rivolta online contro due post condivisi da pagine Facebook del PD o comunque riconducibili a quel partito. Si tratta di due … Leggi tutto

Alla faccia della disoccupazione: cerchiamo un art director (che sopporti l’idea di lavorare con me)

Attenzione, attenzione: annuncio di lavoro! Un lavoro serio, ben inquadrato, in cui la qualità è riconosciuta e adeguatamente retribuita.   In agenzia stiamo cercando un “art director” bravo (lo scrivo al maschile ma consideratelo gender neutral) Metto le virgolette perché mi preme spiegare bene cosa intendiamo. Non ci interessa un grafico, un designer o un progettista puro: … Leggi tutto

Il viaggio in Svizzera che non ho fatto – riflessioni sul diritto di morire

Sto di nuovo scrivendo parole dolorose e non vorrei farci l’abitudine, però vorrei dire qualcosa sul fine vita, ora che la storia di Dj Fabo ha portato in primo piano il tema. La scelta di Fabo di interrompere la sua vita in Svizzera, approfittando della legge che consente alle persone con malattie gravi e incurabili … Leggi tutto

Fa’ che venga la guerra prima che si può – riflessioni su una scissione che forse è altro

Ciao, mi chiamo Enrico e sono uno di quelli che, da quando ha 18 anni, vota il grande partito della sinistra in tutte le sue forme e sigle. Sono un militante leale, sono di bocca buona, sono paziente e so accontentarmi, sapendo che il bene comune viene prima delle mie arrabbiature e della mia naturale pedanteria.

E sono favorevole alla scissione del PD. Anzi, non vedo l’ora che avvenga.

 

No, non sono preso dal cupio dissolvi. È che penso che la scissione che è alle porte sia una cosa sana e utile per tutto il centrosinistra e per il paese in genere.
Provo a spiegare il perché, in un post chilometrico come quelli di una volta (ma con delle sottolineature per chi ha fretta), che non prevede giudizi su Renzi (quindi risparmiamoceli nei commenti, lo dico per il nostro bene).

Se avete proprio tanto tempo da perdere, continuate a leggere.

Leggi tutto