Nokia N95 – la prima recensione

Da queste parti ci si era già emozionati preventivamente per il Nokia N95: una sorta di uber-telefono a cui pare non manchi nulla (salvo la tastiera qwerty, ma per quello c’è l’E61 che tutti noi amiamo) e che pare raccolga il meglio della qualità e usabilità Nokia, oltre alla solita batteria straordinaria.

Qualcuno è riuscito ad averne una copia di pre-produzione e ha prodotto una prima recensione. Pare molto promettente. Mi sa che a gennaio potrebbe essere un best-seller, se si conferma così com’è.

 

5 commenti su “Nokia N95 – la prima recensione”

  1. beh no, la batteria va che è un piacere perché è la stessa dell’E61 (a me dura 4 giorni e tu sai quanto uso il telefono per telefonare e col Wi-Fi/GPRS). Insomma, un bel passo avanti rispetto all’N80, che ha lì l’unico tallone d’Achille.

Lascia un commento